Biography

© Valerio Bellone

Born in Italy (1979), Valerio Bellone is grew up between Palermo and Milan. Since childhood, encouraged by his parents to travel, develops a great curiosity about cultural diversity. Due to the ability to store his own emotions and to urge those of others he becomes passionate of the photography.
At the age of 19, after getting a diploma in Graphics and Advertisement, he decides to take a trip of 6 months in the Australian bush, a place that will become a source of inspiration.
In 2002 he wins a scholarship that allowed him to enter at the IED (European Institute of Design) in Turin. Thanks to this course of study, after earning the degree in Digital Design in 2005, develops a passion for the new frontier of digital photography and starts his professional path.
After spending some time in Turin and Palermo, working for various advertising agencies, he returns to Australia where he remains for a year, producing landscape photos for tourism agencies. On his return to Italy (2007), he starts to work as photographer at the Ancient Greek Theatre of Segesta for the theater season Segesta Festival. So he discovered his passion for the human figure and decides to move for a period in Japan, to observe the culture that has turned every single gesture in art.
His stories and reportage, ranging from human affairs to traditions and contemporary cultures, devoting also space to landscape photography and visual experiments.
Bellone tries to capture a world behind the scenes and he defines himself an observer who tries to leave a trace of memory of the people he meets along his journey, mixing the reportage style and the personal visual research.
His works appeared in international newspaper and magazine and his photographs have also been used for catalogs of art and entertainment.
He has been recognized with important awards, such as the PX3 (Paris, 2010 and 2012), the Black & White Spider (Beverly Hills, 2012), the Sony World Photography Awards (London, 2014), the Photo Masters Cup (Beverly Hills, 2014) and the MIFA (Moscow, 2014 and 2015). His works has been exposed in solo and collective exhibitions in Italy and abroad.

© Valerio Bellone

Nato in Italia nel 1979, Valerio Bellone cresce tra Palermo e Milano. Fin da bambino, incoraggiato a viaggiare dai suoi genitori, sviluppa una grande curiosità per le diversità culturali. A 16 anni, grazie alla possibilità di memorizzare le proprie emozioni e di sollecitare quelle altrui, si appassiona al mondo della fotografia.
All’età di 19 anni, dopo aver ottenuto un diploma Artistico in Grafica Pubblicitaria, decide di intraprendere un viaggio di sei mesi nell’entroterra australiano, un luogo che diventerà una grande fonte di ispirazione nel suo percorso artistico.
Nel 2002 vince una borsa di studio che gli permette di entrare all’Istituto Europeo di Design di Torino. Grazie a questo corso di studi, dopo aver conseguito la laurea in Digital Design nel 2005, sviluppa la passione per la nuova frontiera della fotografia digitale ed inizia il suo percorso professionale.
Dopo aver trascorso qualche tempo lavorando per diverse agenzie pubblicitarie, torna in Australia dove rimane per un anno, realizzando fotografie di paesaggio per agenzie turistiche. Al suo rientro in Italia, inizia a lavorare come fotografo di scena al Teatro Antico di Segesta per la manifestazione Segesta Festival. Così, scopre la sua passione per la figura umana e decide di trasferirsi per un periodo in Giappone, per osservare la cultura che ha trasformato ogni singolo gesto in arte.
Catturando il mondo dietro le quinte, i suoi racconti e reportage spaziano dalle vicende umane alle tradizioni e le culture contemporanee, dedicando ampio spazio alla fotografia di paesaggio e alle sperimentazioni visive. Si definisce un osservatore che cerca di lasciare una traccia di memoria della gente e dei popoli che incontra lungo il proprio viaggio, mescolando lo stile di reportage ad una ricerca visiva personale.
Le sue opere sono apparse in quotidiani e settimanali internazionali e le sue fotografie sono state adoperate su cataloghi di arte e intrattenimento.
Dal 2010 al 2015 gli sono stati assegnati importanti premi, tra i quali: il PX3 di Parigi, il Black & White Spider ed il Photo Masters Cup di Beverly Hills, il Sony World Photography Awards a Londra ed il MIFA di Mosca. Ha esposto inoltre in spazi e gallerie sia con mostre personali che collettive in Italia e all’estero.


Video intervista realizzata per il progetto Osservatorio delle arti e della scrittura in Sicilia.