Specisti (2001-wip)

“La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali”

Mahatma Gandhi

Storia

Sono in scena gli animali, da sempre sfruttati, schiavizzati, legati, incatenati, imprigionati, maltrattati, derisi, impagliati come trofei, usati come cavie per gli esperimenti, costretti ad adattarsi agli ambienti urbani e cacciati dai propri ambienti naturali.
Gli animali, da sempre nostri servi, ancora nel secondo millennio non godono di alcun rispetto e diritto.
Dopo avere subito da noi umani le peggiori ingiustizie ed essere stati vittime di massacri, continuano a vedere negati i minimi diritti che si dovrebbero riservare a ogni creatura vivente.

Questa serie fotografica (wip) che ho iniziato nel 2001 raccoglie una serie di scatti fotografici fatti agli animali dentro agli zoo, ai circhi e nelle invadenti zone urbane che ogni anno sottraggono sempre più spazio vitale agli animali.

Il mio pensiero e la mia preghiera

Non portate i bambini negli zoo e nei circhi, non è questo il modo di fargli apprezzare la natura e il contatto con gli animali.
Sfruttare gli animali per l’ignorante intrattenimento umano equivale a essere degli specisti, concetto con differisce in alcun modo dal razzismo.

Non importa che le tue intenzioni siano buone, non importa se la gabbia degli animali ai quali fai visita e spaziosa, non importa se le sbarre sono ben nascoste. Una prigione è comunque una prigione, indipendentemente da come è stata realizzata.
Ogni essere vivente dovrebbe poter decidere liberamente dove andare, cosa mangiare, quando e dove dormire, con chi stare e persino se voler vivere o morire.
Nessuno dovrebbe avere il potere di vita e morte su un’altra creatura. La vera libertà si coltiva partendo del rispetto della libertà altrui.

Continua a leggere
Condividi
Commenta con Facebook
Total: