Amulets, talismans and superstition in Thailand

On this webpage you can see only a preview of the work. If you want to have more informations and see all the photos of this collection, for exhibitions of my work or other, please contact me.

Theravada Buddhism does not seem to be immune from superstition. Superstition generates in Thailand a substantial turnover and job to several figures: craftsmen, traders, collectors, magicians, seers, and even historians.

Living and traveling in the country you realize that there are fetishes and “lucky Buddhas” of all kinds: health, love, money and a whole range of human desires more or less materialistic, that they should be as far removed from the Buddhist path. Of these original or fake amulets, relics, small or huge statues and talismans there are millions and every day many others are produced.

It is easy to recognize experts of this circuit, with their pocket magnifiers, while they wander among the hawkers, hunting real amulets, those that presumably in ancient times were blessed by monks with great powers. But once they find a “real” amulet is not forever, in fact after some time this one stop working and they have to give it to someone else, although in truth they prefer to resell it at a higher price. And so the search of the “problems solver” can start again.

In this huge market of buyers there are those who tend to exaggerate, wearing tens of amulets or filling with them houses, cars, tuk tuks, buses and motorcycles. A business that certainly brings good luck to those who produce these magical objects, obtaining enough money to have a decent life for their family. Among these artisans / producers some have such a mastery to realize pieces with an aspect old credibly, enough to fool even the most experienced eye. Practically false copyright.

In this panorama the Buddhist monks do not seem to want only watch, so in many temples is easy to find an amulets store. Other monks prefer to do walking business by selling new production of blessed amulets. Articles intended to become powerful in the future, because in the world of superstition is the time that gives to things greater value, credibility and power.

 


 
Testo in italiano

In questa pagina puoi vedere solo un’anteprima del lavoro. Se vuoi avere altre informazioni e vedere tutte le fotografie di questa collezione, per esposizioni del mio lavoro o altro, contattami.

Il buddismo Theravada, come qualsiasi altro credo, non sembra essere immune dalla superstizione. La superstizione genera in Thailandia un notevole giro di affari, dando lavoro a diverse figure: artigiani, commercianti, collezionisti, maghi, veggenti e persino storici.

Viaggiando in giro per la Thailandia si scopre velocemente che esistono feticci e “Lucky Buddha” (Buddha porta fortuna) di ogni tipo: salute, amore, denaro e tutta quella serie di desideri umani più o meno materialisti, che dovrebbero essere teoricamente lontani dal percorso buddhista. Esistono davvero milioni di amuleti (originali o falsi che siano) reliquie, statue piccole o enormi e talismani. E ogni giorno ne vengono prodotti molti di nuovi.

È facile imbattersi negli esperti di questo circuito, con le loro lenti di ingrandimento tascabili, mentre vagano tra i venditori ambulanti, alla ricerca di amuleti introvabili, quelli che presumibilmente nei tempi antichi erano benedetti da monaci dotati dai grandi poteri. Ma una volta trovato un amuleto “vero”, questo non è per sempre, infatti dopo un po’ smette di “funzionare” e bisogna darlo a qualcun altro, anche se in verità lo scopo vero è rivenderlo al doppio del prezzo. Una volta venduto il talismano fortunato, la ricerca di un nuovo “risolvi problemi” può ricominciare.

In questo enorme mercato di acquirenti ci sono quelli che tendono a esagerare, indossando decine di amuleti o riempiendole proprie case, automobili, tuk tuk, autobus e motocicli. Un business che porta certamente fortuna a coloro che producono questi oggetti “magici”. Tra questi artigiani / produttori alcuni hanno una maestria tale da riuscire a creare amuleti dall’aspetto credibilmente antico, al punto da ingannare anche l’occhio più esperto.

In questo panorama i monaci buddisti non sembrano voler rimanere a guardare, quindi in molti templi è facile trovare un negozio di amuleti. Altri monaci addirittura fanno affari facendo i venditori ambulanti di amuleti “benedetti”, destinati a diventare “potenti” (o meglio: costosi) in futuro, perché nel mondo della superstizione è il tempo che dona alle cose maggiore valore, credibilità e poteri.

Year
2012-2017
Location
Thailand
Photography
© Valerio Bellone

2019, © Valerio Bellone
All Rights Reserved

Right button is disabled.
Download images is prohibited.